Come ostinandosi a voler raddrizzare banane.

Nel video che segue, Vladimiro Giacché illustra i risultati della sua ricerca sulle asimmetrie che caratterizzano la regolamentazione del sistema bancario europeo (Unione Bancaria Europea).

L’Unione Bancaria prevedeva tre “pilastri”: 1) una vigilanza bancaria unica; 2) procedure di chiusura delle banche in crisi che limitassero il rischio di contagio; 3) una garanzia europea sui depositi.

La prima asimmetria riguarda il primo pilastro: la vigilanza è costruita in maniera tale da lasciar furi la maggior parte del sistema bancario tedesco (o tu guarda!).

La seconda asimmetria riguarda il secondo pilastro: la regolamentazione è entrata in vigore dopo che la Germania e la Francia hanno salvato con soldi pubblici le loro banche in difficoltà dopo la crisi del 2008 (o tu guarda!)

Il terzo pilastro? Non c’è! (e non ci sarà mai) (o tu guarda!).

Ma le asimmetrie non si fermano qui. Torniamo al primo pilastro. La BCE vigila sulle banche attraverso i cosiddetti stress test. Questi si concentrano sul rischio del credito e lasciano totalmente scoperto il rischio delle attività finanziarie (tra i quali, titoli molto rischiosi: i derivati, per intenderci, o altrimenti detti titoli spazzatura). Guarda caso, le banche italiane sono piene di crediti deteriorati dovuti alla crisi ininterrotta dal 2008, mentre le banche tedesche e francesi sono piene di titoli spazzatura (o tu guarda!).

E siccome le belve hanno fame e la preda dà ancora qualche belato di reazione, ecco la botta finale: la BCE annuncia che da gennaio 2018 tutti i nuovi crediti deteriorati dovranno essere coperti al 100% (hai 100 € di crediti deteriorati? Devi accantonare 100 €).  La conseguenza immediata? Le iene del mercato sono già al lavoro.

E sul mare di titoli spazzatura in cui annegano le banche tedesche e francesi? Assoluto silenzio (o tu guarda!).

Ma comunque, se dopo tutto questo, voi volete continuare a pensare che bisogna (solo) migliorare l’Unione europea, fate pure. Continuate a tentare di raddrizzare le banane.

Di seguito l’intervento di Vladimiro Giacché e l’altrettanto interessante intervento di Marco Zanni.

 

Buon 2018 a tutti, a quelli che hanno già aperto gli occhi e a quelli che prossimo anno saranno costretti ad aprirli.

Per quelli che gli occhi li hanno già aperti, come noi di CLN, suggerisco di non stare soli: avete bisogno di una casa, la CLN, appunto, e di un progetto, Italia Ribelle e Sovrana.

Informazioni su sandroarcais

I know that each cause has its effects, and each effect has its causes.
Questa voce è stata pubblicata in banche, banche centrali, europa, finanza e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...