Lo spot sulla disoccupazione giovanile calata

Autore: tigiuno della sera

Ieri, 30 novembre del 2017, il tigiuno una giovane speaker molto ispirata e spigliata annunciava tutta allegra e rassicurante un altro grande successo del nostro governo provvisoriamente intruso alla nostra guida:

tg1disoccupazione

vedi dal minuto 5 e 12 secondi

A me queste notizie trionfalistiche insospettiscono, soprattutto di questi tempi, ma sul momento glisso. Stamattina controllo le nuove tra i miei siti preferiti e trovo questo post di Maurizio Sgroi, autore di un blog economico-finanziario dal titolo The Walking Debt

SgroiEmigrazione

In breve. Alla notizia ganza e rassicurante del tigiuno avevano tolto due altre notizie a lei strettamente correlate che però rischiavano di farle ombra.

La prima: la stragrande maggioranza delle nuove assunzioni è a tempo determinato:

istat-divizione-fra-tipo-contratti

Commento di Maurizio Sgroi:

bene che vada, in Italia si strappa un contratto a termine di questi tempi

La seconda: il report Istat del 29 novembre 2017 sui flussi migratori in entrata e in uscita dall’Italia registra che sono in

crescita le emigrazioni (cancellazioni dall’anagrafe per l’estero): nel 2016 sono 157mila (+7% sul 2015).

Inoltre sono in

aumento i laureati italiani che lasciano il Paese, sono quasi 25mila nel 2016 (+9% sul 2015)anche se tra chi emigra restano più numerosi quelli con un titolo di studio medio-basso (56mila,+11%)

e dal momento che chi emigra è di solito giovane, a Maurizio Sgroi

sorge il sospetto che buona parte del calo di giovani disoccupati, quindi non più iscritti alle liste, dipenda dall’emigrazione piuttosto che dal Jobs Act.

E anche a me.

Spegnete la tv. Non comprate più quotidiani. Non fidatevi del vostro senso critico: siete manipolabili e siete sotto assedio. Se una fonte di informazione si è rivelata essere una fonte di manipolazione, toglietela dal vostro orizzonte uditivo e visivo.

Informazioni su sandroarcais

I know that each cause has its effects, and each effect has its causes.
Questa voce è stata pubblicata in controllo, media, pubblicità, spot e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...