Dal lavoro gratuito al lavoro pagato (dal lavoratore)

In un post odierno (14 marzo 2018) Bill Mitchell affronta il cancro moderno del lavoro gratuito che si infila nel sistema di istruzione e ne snatura la missione. Ora, il lavoro gratuito sta raggiungendo persino la forma del lavoro pagato (pagato dal lavoratore!). Parla della situazione australiana, ma sembra parlare di noi.

************************

Questa mattina ho fatto un’intervista radiofonica all’emittente nazionale (ABC) sulla crescente diffusione di esperienze lavorative non retribuite. Era chiaro che l’intervistatore pensava che l’esperienza lavorativa fosse una buona cosa. Ho indicato che si trattava di una malattia strisciante che è diventata parte del programma neoliberale per erodere i diritti dei lavoratori. In Australia, questa malattia si è trasformata in un esercizio di spostamento dei costi in cui i datori di lavoro hanno spostato la loro responsabilità nell’addestramento della forza lavoro al sistema di istruzione pubblica e ora chiedono il pagamento agli studenti per consentire loro di intraprendere la cosiddetta “esperienza lavorativa”. Questa pratica è sempre più integrata in programmi educativi che compromettono la qualità dell’istruzione. Ma mentre è rivestita con potenti descrizioni come “preparare la nostra gioventù per un futuro eccitante”, si tratta di qualcosa di più che di lavoro non pagato. L’ultima edizione è che ora le persone pagano per lavorare gratuitamente. I nostri sindacati sono in gran parte silenziosi su questo scandalo.

Ora paghiamo per lavorare gratis!

L’intervista è stata motivata da un rapporto pubblicato ieri (13 marzo 2018) nei quotidiani del gruppo Fairfax – Le aziende difendono l’addebito di $ 1000 per tirocini non retribuiti – che documenta come:

Studenti e laureati stanno sborsando $ 1000 per intraprendere tirocini non retribuiti con una percentuale di successo di uno su 64 di ottenere un lavoro a tempo pieno e che non si svolge nemmeno presso la società.

A loro dire:

… le aziende coinvolte insistono che stanno semplicemente fornendo la formazione che le università non sono riuscite a fornire per preparare gli studenti laureati in tecnologia, business e ingegneria per il mondo del lavoro reale.

Questa è stata una strisciante malattia neoliberale negli ultimi decenni.

Quando ci sono abbastanza posti di lavoro per soddisfare i desideri di lavoro della forza lavoro (posti vacanti che superano i lavoratori sottoutilizzati), le imprese devono assumersi la responsabilità per lo sviluppo di competenze specifiche sul lavoro all’interno dei loro luoghi di lavoro.

Questa era l’era della piena occupazione.

Era il tempo in cui le istituzioni educative istruivano su ciò che era destinato a preparare le persone a funzionare e contribuire a una società sofisticata – con ciò intendo sviluppate capacità di pensiero critico, capacità decisionali e una consapevolezza generale della letteratura.

La formazione professionale, in quanto erogata al di fuori dell’ambiente di lavoro retribuito, era sviluppata all’interno di istituti tecnici.

C’era una chiara distinzione tra istruzione e formazione.

Si era anche capito che la minore produttività dei lavoratori durante il periodo di formazione sarebbe stata compensata da un salario più basso di quello che avrebbero ricevuto una volta completato il periodo del contratto di formazione.

Con l’inasprirsi della presa neoliberale, la distinzione tra istruzione e formazione è diventata confusa e le università si sono abbassate a offrire più corsi di tipo professionale.

La pressione delle multinazionali sui governi e le autorità educative ha visto una maggiore contaminazione dei corsi di istruzione con materiale progettato esclusivamente per promuovere il profitto privato piuttosto che fornire istruzione generale.

Ora abbiamo la situazione assurda in cui il curriculum universitario richiede il lavoro non retribuito obbligatorio nelle aziende come parte dei programmi educativi.

L’ultima edizione di questa malattia strisciante sta nel fatto che le multinazionali ora stanno facendo pagare agli studenti la possibilità di lavorare gratis nel nome di “esperienza lavorativa”.

Ora abbiamo situazioni ridicole in cui le università hanno intrapreso una formazione professionale per esempio per gli infermieri, formalmente formati all’interno del sistema ospedaliero, e le autorità sanitarie che chiedono alle università di pagare per i tirocini come parte dei requisiti di esperienza lavorativa in questi corsi.

Dalle evidenze della ricerca emerge chiaramente che questa nuova era del “lavoro non retribuito” non porta a risultati superiori per gli studenti una volta laureati e inseriti nella forza lavoro in modo più permanente.

I cosiddetti tirocini non sono altro che lavoro gratuito per le società che cercano profitto e altri che dovrebbero pagare i lavoratori che lavorano all’interno delle loro imprese.

Preoccupa che il movimento sindacale ha appena battuto un ciglio a questa malattia strisciante.

Ma con oltre il 15% della forza lavoro disponibile sottoutilizzata (disoccupata o sottoccupata), l’equilibrio di potere è saldamente nelle mani del datore di lavoro che può trasferire tutte le responsabilità di formazione al sistema di istruzione finanziato pubblicamente e richiedere pagamenti da giovani futuri lavoratori alla disperata ricerca di un appiglio per un lavoro futuro.

Questo spostamento dei costi ha anche minato la qualità dei nostri sistemi educativi.

La soluzione è quella di garantire che le politiche governative creino mercati del lavoro molto stretti (piena occupazione), il che costringerà le responsabilità della formazione ai datori di lavoro.

Il problema è che l’attuale politica del governo crea deliberatamente questo enorme spreco di lavoro e disperazione tra i nostri giovani.

 

Informazioni su sandroarcais

I know that each cause has its effects, and each effect has its causes.
Questa voce è stata pubblicata in Articoli altrui, istruzione, neoliberismo, riforma della scuola e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...